NOVITÀ GIURISPRUDENZIALI INERENTI AL DIVORZIO   COS’É LA GIURISPRUDENZA? La   giurisprudenza    è   l’insieme   delle   sentenze   nelle   quali   sono   state   interpretate   le   norme   relative   ad   uno specifico   istituto   giuridico   (ad   es.   assegno   divorzile,   furto,   usucapione),   emesse   dagli   Organi   Giurisdizionali   (Giudici di Pace, Tribunali, Corti di Appello, Corte di Cassazione) dell’intera Nazione. Ad    es.    l’insieme    delle    sentenze    nelle    quali    è    stata    determinata    la    misura    dell’assegno    di    divorzio    è    “la giurisprudenza   sulla   determinazione   dell’assegno   di   divorzio”.   L’insieme   delle   sentenze   che   hanno   trattato   il   reato   di furto è “la giurisprudenza sul reato di furto”etc.. Può accadere che: 1 . Tutti   i   giudici   emettono,   su   casi   con   caratteristiche   identiche,   sentenze   contenenti   un   interpretazione   univoca della legge. In questo caso si parla di “ giurisprudenza univoca” . 2 . Oppure,   se   la   legge   contiene   delle   frasi   ambigue,   su   casi   con   caratteristiche   identiche,   alcuni   giudici   possono interpretare   la   legge   in   un   modo   e   altri   in   modo   differente   o   addirittura   opposto.   In   questa   ipotesi   se   vi   è   una maggioranza    di   giudici   che   interpreta   la   legge   in   uno   specifico   modo   e   una   relativa   minoranza    che   la   interpreta in    modo    differente    od    opposto,    si    dice    che    esiste    rispettivamente    una    giurisprudenza   “maggioritaria”     o “dominante”   (nel primo caso) e una relativa “ giurisprudenza minoritaria” (nel secondo). 3 . Se   non   c’è   una   maggioranza   e   una   relativa   minoranza   di   giudici   che   interpretano   la   legge   in   modi   differenti   ma la   misura   di   due   orientamenti   interpretativi,   su   casi   con   caratteristiche   identiche,   è   vicina   al   50%,   o   se   vi   sono più   orientamenti   nessuno   dei   quali   costituisce   una   maggioranza   assoluta,   (cioè   il   50%   più   1   delle   sentenze complessive su uno specifico istituto) si dice che su quella materia “il diritto è controverso” . Questa   divergenza   nell’interpretazione   della   legge   può   verificarsi   non   solo   tra   Organi   Giurisdizionali   di   diverse città ma anche tra giudici dello stesso tribunale. Questo   può   avvenire   (e   comunemente   avviene)   perché   nessun   giudice   è   vincolato   al   rispetto   delle   regole espresse   in   una   sentenza   emessa   da   altri   giudici   su   un   caso   analogo   o   identico   a   quello   che   sta   trattando.   Se   lo   fosse infatti,   il   giudice   che   emettesse   per   primo   una   sentenza   su   uno   specifico   caso,   vincolando   tutti   gli   altri   alla   sua interpretazione produrrebbe una regola valevole erga omnes  e cioè una legge. In   questa   ipotesi   per   assurdo,   un   giudice   che   non   è   stato   eletto   da   nessuno,   avrebbe   il   potere   di   vincolare   tutti   i cittadini italiani ad obbedire ad una regola che lui da solo ha stabilito nella sua sentenza.  In   sostanza,   se   i   giudici   fossero   tenuti   a   rispettare   l’orientamento   e   l’interpretazione   della   legge   eseguita   da   un altro   giudice,   quest’ultimo   oltre   al   potere   giudiziario,   (cioè   di   far   rispettare   le   leggi)   avrebbe   anche   il   potere   legislativo (cioè di creare le leggi), vincolando alla sua interpretazione tutti gli altri giudici e dunque tutti i cittadini. Per   questo   motivo   e   per   il   fatto   della   tripartizione   dei   poteri   ( legislativo,   esecutivo   e   giudiziario )   stabilita   dalla Carta   Costituzionale,   anche   il   Giudice   di   Pace   ad   es.   di   Canicattì   è   libero   di   non   ossequiare   l’interpretazione   della legge   contenuta   in   un   altra   sentenza,   nemmeno   se   si   tratta   di   una   sentenza   della   Suprema   Corte   di   Cassazione   a Sezioni Unite emessa su un caso con caratteristiche identiche a quello che sta trattando.     É   infatti   previsto   che   le   sentenze   abbiano   effetto   solo   relativamente   alle   parti   in   lite   nei   confronti   delle   quali vengono emesse. A COSA SERVE E COME VIENE USATA LA GIURISPRUDENZA? Detto   quanto   sopra,   la   giurisprudenza   viene   citata   negli   atti   per   confortare   una   determinata   ricostruzione interpretativa   della   legge   che   è   stata   condivisa   già   da   altri   giudici   ed   esercitare,   de   facto,   in   questo   modo,   un influenza   sul   giudicante   della   specifica   causa   trattata.   Per   questo   motivo   è   importante   un   approfondito   studio   della giurisprudenza nei giudizi contenziosi. La   sentenza   che   segue,   emessa   di   recente,   che   ha   suscitato   molto   clamore   ed   è   stata   oggetto   di   numerosi programmi   televisivi,   afferma   che   nel   divorzio   per   determinare   l’ an   debeatur    cioè   se   è   dovuto   l’assegno   divorzile     ( vedi   il   capitolo   dedicato ),   non   bisogna   aver   riguardo   alla   capacità   del   coniuge   economicamente   più   debole   di conservare   autonomamente   il   tenore   di   vita   goduto   in   costanza   di   matrimonio,   ma   alla   capacità   dello   stesso   di conseguire     autonomamente    “l’indipendenza     economica”.     Se     ha     la     capacità     di     conseguire     autonomamente l’indipendenza   economica   l’assegno   gli   va   negato   anche   se   non   ha   la   capacità   di   conservare   autonomamente   il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio. Questa    sentenza,    molto    criticata,    che    rappresenta    una    giurisprudenza    ancora    minoritaria,    è    relativamente disattesa dai Tribunali di merito.  Le principali critiche alla sentenza: Il   concetto   di   indipendenza    economica   del   coniuge   non   è   definito.   Significa   che   non   dipende    da   terzi,   ma   per   fare cosa?   Se   il   coniuge   più   debole   non   dipende   dall’altro   perché   è   in   grado   di   nutrirsi   e   di   proteggersi   dalla   intemperie perché   ha   ad   es.   un   monolocale   a   Tor   Bella   Monaca,   cioè   è   in   grado   di   procurarsi   autonomamente   la   minima sussistenza   in   vita,      la   concessione   dell’ assegno   divorzile ,   secondo   i   giudici   che   hanno   emesso   questa   sentenza, sarebbe   sottoposta   agli   stessi   requisiti   previsti   per   la   concessione   dell’ assegno   alimentare ,   ma   questo   non   è   previsto dalla legge. Inoltre   questa   interpretazione   della   legge   produce   effetti   paradossali:   se   ad   es.   la   moglie   di   Berlusconi   avesse un   monolocale   e   un   lavoro   in   un   call   center   allora   non   avrebbe   diritto   ad   alcun   assegno   divorzile,   mentre   se   non avesse il monolocale allora avrebbe diritto ad un assegno di 2 milioni di € al mese per tutta la vita. É   evidente   che   questa   interpretazione   della   legge   creerebbe   delle   sperequazioni   enormi   tra   cittadini   che   si trovano in condizioni quasi identiche.  Un’altra    critica    mossa    a    questa    sentenza    è    fondata    sul    fatto    che    l’art.    143    del    codice    civile    equipara espressamente   il   lavoro   casalingo   a   quello   professionale:   se   la   moglie   fa   la   baby   sitter;   la   lavandaia;   la   stiratrice;   la cuoca    etc.    in    casa,    ha    diritto    non    solo    di    condividere    le    risorse    conseguite    dal    marito    che    esegue    un    lavoro professionale fuori casa, ma anche a nutrire le stesse aspettative di benessere che nutre il marito per il futuro. Immaginiamo   che   la   Legge   dicesse   invece   alla   moglie:   se   lavori   in   casa    facendo   la   baby   sitter,   la   lavandaia,   la stiratrice,   la   cuoca,   la   donna   delle   pulizie,   etc.   mentre   tuo   marito   fa   carriera   lavorando   fuori   casa    e   aumentando   i propri   redditi,   qualora   tuo   marito   chiede   il   divorzio,   se   hai   una   minima   autosufficienza   rimarrai   solo   con   quella.   Ciò proprio   perché   scegliendo   di   lavorare   in   casa,   non   hai   potuto   fare   carriera   a   differenza   di   tuo   marito.   Se   la   legge stabilisse   questo,   è   improbabile   che   la   moglie   accetterebbe   di   inserirsi   in   questo   meccanismo   che   le   impedisce   di sviluppare   la   propria   personale   economia   per   dedicarsi   alla   famiglia,   sapendo   che   può   trovarsi,   per   questo   motivo,   in una   condizione   di   minima   autosufficienza,   con   il   divorzio,   in   qualunque   momento.   Se   si   divide   il   lavoro   familiare   da eseguirsi   in   casa   e   fuori   casa,   devono   essere   divisi   anche   i   redditi   non   importa   chi   dei   due   li   consegue.   Questo stabilisce   l’art.   143   c.c.   in   costanza   di   matrimonio.   Questo   è   stato   l’orientamento   della   S.   C.   per   circa   30   anni   ed   è anche   il   motivo   per   cui   il   legislatore   ad.   es.   ha   previsto   che   alla   moglie,   ricorrendone   i   presupposti,   spetta   il   40%   del TFR  conseguito dal marito. Un   altro   esempio,   più   elementare:   un   uomo   e   una   donna   si   trovano   su   un’isola   deserta   e   si   accordano   così: l’uomo   va   a   pescare,   la   donna   accende   il   fuoco,   poi   cucineranno   il   pesce   sul   fuoco   e   si   nutriranno   entrambi.   La   donna accende   il   fuoco   ma   quando   l’uomo   torna   con   il   pescato   dice:   <ci   ho   ripensato:   mangio   solo   io   il   pesce   crudo   e   tu muori   di   fame>.   È   ovvio   che   la   donna   non   si   sarebbe   dedicata   ad   accendere   il   fuoco   se   avesse   saputo   che   avrebbe potuto   morire   di   fame   con   quella   scelta.   Se   la   legge   dicesse   alla   moglie   <se   lavori   in   casa   puoi   trovarti   a   vivere   per questo   motivo   con   la   minima   autosufficienza>,   ci   sarebbero   poche   donne   che   accetterebbero   di   occuparsi   della crescita   dei   figli   e   di   lavorare   in   casa.   Questa   condizione   e   questo   regime   giuridico   inciderebbe   sulla   natalità   della Nazione   ed   è   contrario   ai   principi   di   diritto   che   informano   l’ordinamento   italiano   e   specificamente   il   diritto   di famiglia.   CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Prima Civile Sentenza n. 11504 del 10 maggio 2017  Presidente Di Palma Relatore Lamorgese Fatti di causa 1. –   Il   Tribunale   di   Milano   ha   dichiarato   lo   scioglimento   del   matrimonio,   contratto   nel   1993,   tra   Vi.Gr..   e   Li.   Ca. Lo. ed ha respinto la domanda di assegno divorzile proposta da quest’ultima.  2. –   Il   gravame   della   Lo.   è   stato   rigettato   dalla   Corte   d’appello   di   Milano,   con   sentenza   27   marzo   2014.      2.1. –   La Corte,   avendo   ritenuto   che   il   luogo   di   residenza   della   Lo.   (convenuta   nel   giudizio)   fosse   a   (omissis…),   ha   rigettato l’eccezione   di   incompetenza   territoriale   del   Tribunale   di   Milano,   a   favore   del   Tribunale   di   Roma,   ove   era   la   residenza o   il   domicilio   del   ricorrente   Gr.,   da   essa   sollevata   sul   presupposto   della   propria   residenza   all’estero,   a   norma   dell’art. 4,   comma   1,   della   legge   1.   dicembre   1970,   n.   898;   ha   ritenuto   poi   non   dovuto   l’assegno   divorzile   in   favore   della   Lo., non   avendo   questa   dimostrato   l’inadeguatezza   dei   propri   redditi   ai   fini   della   conservazione   del   tenore   di   vita matrimoniale,   stante   l’incompletezza   della   documentazione   reddituale   da   essa   prodotta,   in   una   situazione   di   fatto   in cui l’altro coniuge aveva subito una contrazione reddituale successivamente allo scioglimento del matrimonio.  3.   –   Avverso   questa   sentenza   la   Lo.   ha   proposto   ricorso   per   cassazione   sulla   base   di   quattro   motivi,   cui   si   è opposto   il   Gr.   Con   controricorso.   Le   parti   hanno   presentato   memorie   ex   art.   378   cod.   proc.   civ.      Ragioni   della decisione:      1. –   Con   il   primo   motivo   la   ricorrente   ha   denunciato   la   violazione   dell’art.   4,   comma   1,   della   legge   n.   898 del   1970,   per   avere   la   Corte   d’appello   affermato   la   competenza   per   territorio   del   Tribunale   di   Milano,   essendo   invece competente   il   Tribunale   di   Roma,   ove   era   la   residenza   o   il   domicilio   del   ricorrente   Gr.,   essendo   la   convenuta residente all’estero.  1.1.   –   Il   motivo   è   infondato.   Premesso   che,   contrariamente   a   quanto   sostenuto   dal   Gr.,   la   questione   della competenza    è    stata    riproposta    in    appello    e    che    su    di    essa,    quindi,    non    si    è    formato    il    giudicato,    la    sentenza impugnata   ha   ragionevolmente   valorizzato   quanto   dichiarato   dalla   Lo.   (convenuta   nel   giudizio)   nell’atto   di   appello, e    in    altri    atti    giudiziari,    circa    la    sua    residenza    a    (omissis…)    (Mi),    che    corrispondeva    a    quanto    risultava    dalle certificazioni   anagrafiche,   giudicando   irrilevante   la   diversa   indicazione,   resa   all’udienza   presidenziale,   di   essere residente   a   (omissis…),   luogo   quest’ultimo   rientrante   pur   sempre   nella   competenza   del   Tribunale   di   Milano;   inoltre, ha   adeguatamente   argomentato   in   ordine   alla   mancanza   di   prova   della   residenza   all’estero   della   Lo.,   ritenendo inidonea   a   tal   fine   la   mera   disponibilità   da   parte   della   medesima   di   un’abitazione   negli   Stati   Uniti.      La   decisione impugnata   è,   pertanto,   conforme   al   principio   enunciato   da   questa   Corte –   che   va   ribadito -,   secondo   cui   la   domanda di   scioglimento   del   matrimonio   civile   o   di   cessazione   degli   effetti   civili   del   matrimonio   concordatario   va   proposta,   ai sensi   dell’art.   4,   comma   1,   della   legge   n.   898   del   1970   (nel   testo   introdotto   dall’art.   2,   comma   3-bis,   del   d.l.   14   marzo 2005,   n.   35,   convertito   in   legge,   con   modificazioni,   dall’art.   1,   comma   1,   della   legge   14   maggio   2005,   n.   80),   quale risultante   a   seguito   della   dichiarazione   di   illegittimità   costituzionale   (sentenza   n.   169   del   2008),   al   tribunale   del luogo   di   residenza   o   domicilio   del   coniuge   convenuto,   salva   l’applicazione   degli   ulteriori   criteri   previsti   in   via subordinata dalla medesima norma (Cass. ord. n. 15186 del 2014) 2.   –   Con   il   secondo   motivo   la   Lo.   ha   denunciato   la   violazione   e   falsa   applicazione   dell’art.   5,   comma   6,   legge   n. 898/1970,   per   avere   la   Corte   milanese   negato   il   suo   diritto   all’assegno   sulla   base   della   circostanza   che   lo   stesso   Gr. non   avesse   mezzi   adeguati   per   conservare   l’alto   tenore   di   vita   matrimoniale,   dando   rilievo   decisivo   alla   riduzione   dei suoi   redditi   rispetto   all’epoca   della   separazione,   mentre   avrebbe   dovuto   prima   verificare   la   indisponibilità,   da   parte dell’ex   coniuge   richiedente,   di   mezzi   adeguati   a   conservare   il   tenore   di   vita   matrimoniale   o   la   sua   impossibilità   di procurarseli   per   ragioni   oggettive.      Con   il   terzo   motivo   la   Lo.   ha   denunciato   vizio   di   motivazione,   per   avere   omesso di   considerare   elementi   probatori   rilevanti   al   fine   di   dimostrare   la   sussistenza   del   diritto   all’assegno.      Con   il   quarto motivo   la   ricorrente   ha   denunciato   la   violazione   degli   artt.   112   e   132   c.p.c,   per   avere   i   giudici   di   merito   escluso   il diritto   all’assegno,   disconoscendo   la   rilevanza   della   sperequazione   tra   le   situazioni   reddituali   e   patrimoniali   degli   ex coniugi   e   dando   erroneamente   rilievo   agli   accordi   raggiunti   in   sede   di   separazione   che,   al   contrario,   indicavano   la disparità economica tra le parti e la mancanza di autosufficienza economica della Lo..  2.1.   –   Tali   motivi   sono   infondati.      Si   rende,   tuttavia,   necessaria,   ai   sensi   dell’art.   384,   quarto   comma,   cod.   proc. civ.,   la   correzione   della   motivazione   in   diritto   della   sentenza   impugnata,   il   cui   dispositivo –   come   si   vedrà   (cfr.   infra, sub n. 2.6) – è conforme a diritto, in base alle considerazioni che seguono.  Una   volta   sciolto   il   matrimonio   civile   o   cessati   gli   effetti   civili   conseguenti   alla   trascrizione   del   matrimonio religioso –   sulla   base   dell’accertamento   giudiziale,   passato   in   giudicato,   che   «la   comunione   spirituale   e   materiale   tra i   coniugi   non   può   essere   mantenuta   o   ricostituita   per   l’esistenza   di   una   delle   cause   previste   dall’articolo   3»   (cfr.   artt. 1   e   2,   mai   modificati,   nonché   l’art.   4,   commi   12   e   16,   della   legge   n.   898   del   1970)   -,   il   rapporto   matrimoniale   si estingue   definitivamente   sul   piano   sia   dello   status   personale   dei   coniugi,   i   quali   devono   perciò   considerarsi   da   allora in   poi “persone   singole”,   sia   dei   loro   rapporti   economico-patrimoniali   (art.   191,   comma   1,   cod.   civ.)   e,   in   particolare, del   reciproco   dovere   di   assistenza   morale   e   materiale   (art.   143,   comma   2,   cod.   civ.),   fermo   ovviamente,   in   presenza   di figli,   l’esercizio   della   responsabilità   genitoriale,   con   i   relativi   doveri   e   diritti,   da   parte   di   entrambi   gli   ex   coniugi   (cfr. artt. 317, comma 2, e da 337-bis a 337-octies cod. civ.).       Perfezionatasi   tale   fattispecie   estintiva   del   rapporto   matrimoniale,   il   diritto   all’assegno   di   divorzio   –   previsto dall’art.   5,   comma   6,   della   legge   n.   898   del   1970,   nel   testo   sostituito   dall’art.   10   della   legge   n.   74   del   1987   –   è condizionato    dal    previo    riconoscimento    di    esso    in    base    all’accertamento    giudiziale    della    mancanza    di    «mezzi adeguati»    dell’ex   coniuge   richiedente   l’assegno   o,   comunque,   dell’impossibilità   dello   stesso   «di   procurarseli   per ragioni   oggettive».      La   piana   lettura   di   tale   comma   6   dell’art.   5   –   « Con   la   sentenza   che   pronuncia   lo   scioglimento   o   la cessazione   degli   effetti   civili   del   matrimonio,   il   tribunale,   tenuto   conto   delle   condizioni   dei   coniugi,   delle   ragioni   della decisione,   del   contributo   personale   ed   economico   dato   da   ciascuno   alla   conduzione   familiare   ed   alla   formazione   del patrimonio   di   ciascuno   o   di   quello   comune,   del   reddito   di   entrambi,   e   valutati   tutti   i   suddetti   elementi   anche   in   rapporto alla   durata   del   matrimonio   dispone   l’obbligo   per   un   coniuge   di   somministrare   periodicamente   a   favore   dell’altro   un assegno   quando   quest’ultimo   non   ha   mezzi   adeguati   o   comunque   non   può   procurarseli   per   ragioni   oggettive »   –   mostra con   evidenza   che   la   sua   stessa   “struttura”   prefigura   un   giudizio   nitidamente   e   rigorosamente   distinto   in   due   fasi ,   il cui   oggetto   è   costituito,   rispettivamente,   dall’eventuale   riconoscimento   del   diritto   (fase   dell’ an   debeatur )   e   –   solo all’esito   positivo   di   tale   prima   fase –   dalla   determinazione   quantitativa   dell’assegno   (fase   del   quantum   debeatur ).      La complessiva   ratio   dell’art.   5,   comma   6,   della   legge   n.   898   del   1970   (diritto   condizionato   all’assegno   di   divorzio   e   riconosciuto    tale    diritto   -determinazione    e    prestazione    dell’assegno)    ha    fondamento    costituzionale    nel    dovere inderogabile   di   «solidarietà   economica»   (art.   2,   in   relazione   all’art.   23,   Cost.),   il   cui   adempimento   è   richiesto   ad entrambi   gli   ex   coniugi,   quali   “persone   singole”,   a   tutela   della   “persona”   economicamente   più   debole   (cosiddetta “solidarietà   post-coniugale”):   sta   precisamente   in   questo   duplice   fondamento   costituzionale   sia   la   qualificazione della   natura   dell’assegno   di   divorzio   come   esclusivamente “assistenziale”   in   favore   dell’ex   coniuge   economicamente più   debole   (art.   2   Cost.)   –   natura   che   in   questa   sede   va   ribadita   -,   sia   la   giustificazione   della   doverosità   della   sua «prestazione»   (art.   23   Cost.).      Sicché,   se   il   diritto   all’assegno   di   divorzio   è   riconosciuto   alla “persona”   dell’ex   coniuge nella   fase   dell’an   debeatur,   l’assegno   è   “determinato”   esclusivamente   nella   successiva   fase   del   quantum   debeatur, non   già “in   ragione”   del   rapporto   matrimoniale   ormai   definitivamente   estinto,   bensì “in   considerazione”   di   esso   nel corso   di   tale   seconda   fase   (cfr.   l’incipit   del   comma   6   dell’art.   5   cit:   «[….]   il   tribunale,   tenuto   conto   [….]»),   avendo   lo stesso   rapporto,   ancorché   estinto   pure   nella   sua   dimensione   economico-patrimoniale,   caratterizzato,   anche   sul piano   giuridico,   un   periodo   più   o   meno   lungo   della   vita   in   comune   («la   comunione   spirituale   e   materiale»)   degli   ex coniugi. Deve,   peraltro,   sottolinearsi   che   il   carattere   condizionato   del   diritto   all’assegno   di   divorzio   –   comportando ovviamente   la   sua   negazione   in   presenza   di   «mezzi   adeguati»   dell’ex   coniuge   richiedente   o   delle   effettive   possibilità «di   procurarseli»,   vale   a   dire   della   “indipendenza   o   autosufficienza   economica”    dello   stesso   –   comporta   altresì   che, in    carenza    di    ragioni    di    «solidarietà    economica»,    l’eventuale    riconoscimento    del    diritto    si    risolverebbe    in    una locupletazione   illegittima,   in   quanto   fondata   esclusivamente   sul   fatto   della   “mera   preesistenza”   di   un   rapporto matrimoniale   ormai   estinto,   ed   inoltre   di   durata   tendenzialmente   sine   die:   il   discrimine   tra   «solidarietà   economica» ed    illegittima    locupletazione    sta,    perciò,    proprio    nel    giudizio    sull’esistenza,    o    no,    delle    condizioni    del    diritto all’assegno,   nella   fase   dell’an   debeatur.      Tali   precisazioni   preliminari   si   rendono   necessarie,   perché   non   di   rado   è dato   rilevare   nei   provvedimenti   giurisdizionali   aventi   ad   oggetto   l’assegno   di   divorzio   una   indebita   commistione   tra le   due “fasi”   del   giudizio   e   tra   i   relativi   accertamenti   che,   essendo   invece   pertinenti   esclusivamente   all’una   o   all’altra fase, debbono per ciò stesso essere effettuati secondo l’ordine progressivo normativamente stabilito.  2.2.   –   Tanto   premesso,   decisiva   è,   pertanto   –   ai   fini   del   riconoscimento,   o   no,   del   diritto   all’assegno   di   divorzio all’ex    coniuge    richiedente    -,    l’interpretazione    del    sintagma    normativo    «mezzi    adeguati»    e    della    disposizione “impossibilità     di     procurarsi     mezzi     adeguati     per     ragioni     oggettive”     nonché,     in     particolare     e     soprattutto, l’individuazione   dell’indispensabile   “parametro   di   riferimento”,   al   quale   rapportare   l’”adeguatezza-inadeguatezza” dei   «mezzi»   del   richiedente   l’assegno   e,   inoltre,   la   “possibilità-impossibilità”   dello   stesso   di   procurarseli.      Ribadito, in   via   generale –   salve   le   successive   precisazioni   (v.,   infra,   n.   2.4) -,   che   grava   su   quest’ultimo   l’onere   di   dimostrare   la sussistenza   delle   condizioni   cui   è   subordinato   il   riconoscimento   del   relativo   diritto,   è   del   tutto   evidente   che   il concreto   accertamento,   nelle   singole   fattispecie,   dell’adeguatezza-inadeguatezza”   di   «mezzi»   e   della   “possibilità- impossibilità” di procurarseli può dar luogo a due ipotesi: 1)   se   l’ex   coniuge   richiedente   l’assegno   possiede   «mezzi   adeguati»   o   è   effettivamente   in   grado   di   procurarseli,   il diritto deve essergli negato tout court; 2)   se,   invece,   lo   stesso   dimostra   di   non   possedere   «mezzi   adeguati»   e   prova   anche   che   «non   può   procurarseli   per ragioni   oggettive»,   il   diritto   deve   essergli   riconosciuto.      È   noto   che,   sia   prima   sia   dopo   le   fondamentali   sentenze   delle Sezioni   Unite   nn.   11490   e   11492   del   29   novembre   1990   (cfr.   ex   plurimis,   rispettivamente,   le   sentenze   nn.   3341   del 1978   e   4955   del   1989,   e   nn.   11686   del   2013   e   11870   del   2015),   il   parametro   di   riferimento   –   al   quale   rapportare l’adeguatezza-inadeguatezza”   dei   «mezzi»   del   richiedente   –   è   stato   costantemente   individuato   da   questa   Corte   nel «tenore   di   vita   analogo   a   quello   avuto   in   costanza   di   matrimonio,   o   che   poteva   legittimamente   e   ragionevolmente fondarsi   su   aspettative   maturate   nel   corso   del   matrimonio   stesso,   fissate   al   momento   del   divorzio»   (così   la   sentenza delle   S.U.   n.   11490   del   1990,   pag.   24).      Sull’attuale   rilevanza   del   “tenore   di   vita   matrimoniale”,   come   parametro “condizionante”   e   decisivo   nel   giudizio   sul   riconoscimento   del   diritto   all’assegno,   non   incide   –   come   risulterà chiaramente   alla   luce   delle   successive   osservazioni   –   la   mera   possibilità   di   operarne   in   concreto   un   bilanciamento con   altri   criteri,   intesi   come   fattori   di   moderazione   e   diminuzione   di   una   somma   predeterminata   in   astratto   sulla base   di   quel   parametro.      A   distanza   di   quasi   ventisette   anni,   il   Collegio   ritiene   tale   orientamento,   per   le   molteplici ragioni che seguono, non più attuale, e ciò lo esime dall’osservanza dell’art. 374, terzo comma, cod. proc. civ.  A)   Il   parametro   del   «tenore   di   vita»   –   se   applicato   anche   nella   fase   dell’ an   debeatur    –   collide   radicalmente   con la   natura   stessa   dell’istituto   del   divorzio   e   con   i   suoi   effetti   giuridici:   infatti,   come   già   osservato   (supra,   sub   n.   2.1), con   la   sentenza   di   divorzio   il   rapporto   matrimoniale   si   estingue   sul   piano   non   solo   personale   ma   anche   economico- patrimoniale   –   a   differenza   di   quanto   accade   con   la   separazione   personale,   che   lascia   in   vigore,   seppure   in   forma attenuata,    gli    obblighi    coniugali    di    cui    all’art.    143    cod.    civ.    -,    sicché    ogni    riferimento    a    tale    rapporto    finisce illegittimamente    con    il    ripristinarlo    -sia    pure    limitatamente    alla    dimensione    economica    del    “tenore    di    vita matrimoniale”   ivi   condotto   –   in   una   indebita   prospettiva,   per   così   dire,   di   “ultrattività”   del   vincolo   matrimoniale.     Sono   oltremodo   significativi   al   riguardo:   1)   il   brano   della   citata   sentenza   delle   Sezioni   Unite   n.   11490   del   1990, secondo   cui   «[….]   è   utile   sottolineare   che   tutto   il   sistema   della   legge   riformata   [….]   privilegia   le   conseguenze   di   una perdurante   [….]   efficacia   sul   piano   economico   di   un   vincolo   che   sul   piano   personale   è   stato   disciolto   [….]»   (pag.   38); 2)   l’affermazione   della   “funzione   di   riequilibrio”   delle   condizioni   economiche   degli   ex   coniugi   attribuita   da   tale sentenza   all’assegno   di   divorzio:   «[….]   poiché   il   giudizio   sull’an   del   diritto   all’assegno   è   basato   sulla   determinazione di   un   quantum   idoneo   ad   eliminare   l’apprezzabile   deterioramento   delle   condizioni   economiche   del   coniuge   che,   in via    di    massima,    devono    essere    ripristinate,    in    modo    da    ristabilire    un    certo    equilibrio    [….],    è    necessaria    una determinazione   quantitativa   (sempre   in   via   di   massima)   delle   somme   sufficienti   a   superare   l’inadeguatezza   dei mezzi   dell’avente   diritto,   che   costituiscono   il   limite   o   tetto   massimo   della   misura   dell’assegno»   (pagg.   24-25:   si   noti l’evidente commistione tra gli oggetti delle due fasi del giudizio).  B)    La    scelta    di    detto    parametro    implica    l’omessa    considerazione    che    il    diritto    all’assegno    di    divorzio    è eventualmente   riconosciuto   all’ex   coniuge   richiedente,   nella   fase   dell’an   debeatur,   esclusivamente   come   “persona singola”   e   non   già   come   (ancora)   “parte”   di   un   rapporto   matrimoniale   ormai   estinto   anche   sul   piano   economico- patrimoniale,   avendo   il   legislatore   della   riforma   del   1987   informato   la   disciplina   dell’assegno   di   divorzio,   sia   pure per   implicito   ma   in   modo   inequivoco,   al   principio   di   “autoresponsabilità”   economica   degli   ex   coniugi   dopo   la pronuncia di divorzio.  C)   La   “necessaria   considerazione”,   da   parte   del   giudice   del   divorzio,   del   preesistente   rapporto   matrimoniale anche   nella   sua   dimensione   economico-patrimoniale   («[….]   il   tribunale,   tenuto   conto   delle   condizioni   dei   coniugi, delle   ragioni   della   decisione,   del   contributo   personale   ed   economico   dato   da   ciascuno   alla   conduzione   familiare    ed alla   formazione   del   patrimonio   di   ciascuno   o   di   quello   comune,   del   reddito   di   entrambi,   e   valutati   tutti   i   suddetti elementi   anche   in   rapporto   alla   durata   del   matrimonio   [….]»)   è   normativamente   ed   esplicitamente   prevista   soltanto per   l’eventuale   fase   del   giudizio   avente   ad   oggetto   la   determinazione   dell’assegno   (quantum   debeatur) ,   vale   a   dire come   già   sottolineato   –   soltanto   dopo   l’esito   positivo   della   fase   precedente   (an   debeatur),   conclusasi   cioè   con   il riconoscimento del diritto all’assegno.  D)   Il   parametro   del   «tenore   di   vita»   induce   inevitabilmente   ma   inammissibilmente,   come   già   rilevato   (cfr., supra,   sub   n.   2.1),   una   indebita   commistione   tra   le   predette   due   “fasi”   del   giudizio   e   tra   i   relativi   accertamenti.      È significativo,   al   riguardo,   quanto   affermato   dalle   Sezioni   Unite,   sempre   nella   sentenza   n.   11490   del   1990:   «[….]   lo scopo   di   evitare   rendite   parassitarie   ed   ingiustificate   proiezioni   patrimoniali   di   un   rapporto   personale   sciolto   può essere    raggiunto    utilizzando    in    maniera    prudente,    in    una    visione    ponderata    e    globale,    tutti    i    criteri    di quantificazione   supra   descritti,   che   sono   idonei   ad   evitare   siffatte   rendite   ingiustificate,   nonché   a   responsabilizzare il    coniuge    che    pretende    l’assegno,    imponendogli    di    attivarsi    per    realizzare    la    propria    personalità,    nella    nuova autonomia di vita, alla stregua di un criterio di dignità sociale [….]».  E)   Le   menzionate   sentenze   delle   Sezioni   Unite   del   1990   si   fecero   carico   della   necessità   di   contemperamento dell’esigenza   di   superare   la   concezione   patrimonialistica   del   matrimonio   «inteso   come   “sistemazione   definitiva ”, perché   il   divorzio   è   stato   assorbito   dal   costume   sociale»   (così   la   sentenza   n.   11490   del   1990)   con   l’ esigenza   di   non turbare   un   costume   sociale   ancora   caratterizzato   dalla   «attuale   esistenza   di   modelli   di   matrimonio   più   tradizionali , anche   perché   sorti   in   epoca   molto   anteriore   alla   riforma»,   con   ciò   spiegando   la   preferenza   accordata   ad   un   indirizzo interpretativo   che   «meno   traumaticamente   rompe[sse]   con   la   passata   tradizione»   (così   ancora   la   sentenza   n.   11490 del    1990).    Questa    esigenza,    tuttavia,    si    è    molto    attenuata    nel    corso    degli    anni ,    essendo    ormai    generalmente condiviso   nel   costume   sociale   il   significato   del   matrimonio   come   atto   di   libertà   e   di   autoresponsabilità,   nonché come   luogo   degli   affetti   e   di   effettiva   comunione   di   vita,   in   quanto   tale   dissolubile   (matrimonio   che   –   oggi   –   è possibile   “sciogliere”,   previo   accordo,   con   una   semplice   dichiarazione   delle   parti   all’ufficiale   dello   stato   civile,   a norma   dell’art.   12   del   D.L.   12   settembre   2014,   n.   132,   convertito   in   legge,   con   modificazioni,   dall’art.   1,   comma   1, della   legge   10   novembre   2014,   n.   162).      Ed   è   coerente   con   questo   approdo   sociale   e   legislativo   l’orientamento   di questa   Corte,   secondo   cui   la   formazione   di   una   famiglia   di   fatto   da   parte   del   coniuge   beneficiario   dell’assegno divorzile   è   espressione   di   una   scelta   esistenziale,   libera   e   consapevole,   che   si   caratterizza   per   l’assunzione   piena   del rischio   di   una   eventuale   cessazione   del   rapporto   e,   quindi,   esclude   ogni   residua   solidarietà   postmatrimoniale   da parte   dell’altro   coniuge,   il   quale   non   può   che   confidare   nell’esonero   definitivo   da   ogni   obbligo   (cfr.   le   sentenze   nn. 6855   del   2015   e   2466   del   2016).   In   proposito,   un’interpretazione   delle   norme   sull’assegno   divorzile   che   producano l’effetto   di   procrastinare   a   tempo   indeterminato   il   momento   della   recisione   degli   effetti   economico-patrimoniali   del vincolo    coniugale,    può    tradursi    in    un    ostacolo    alla    costituzione    di    una    nuova    famiglia    successivamente    alla disgregazione   del   primo   gruppo   familiare,   in   violazione   di   un   diritto   fondamentale   dell’individuo   (cfr.   Cass.   n. 6289/2014)    che    è    ricompreso    tra    quelli    riconosciuti    dalla    Cedu    (art.    12)    e    dalla    Carta    dei    diritti    fondamentali dell’Unione   Europea   (art.   9).   Si   deve   quindi   ritenere   che   non   sia   configurabile   un   interesse   giuridicamente   rilevante o    protetto    dell’ex    coniuge    a    conservare    il    tenore    di    vita    matrimoniale.    L’interesse    tutelato    con    l’attribuzione dell’assegno    divorzile   -come    detto   –    non    è    il    riequilibrio    delle    condizioni    economiche    degli    ex    coniugi,    ma    il raggiungimento   della   indipendenza   economica,   in   tal   senso   dovendo   intendersi   la   funzione   –   esclusivamente   assistenziale dell’assegno divorzile.  F)   Al   di   là   delle   diverse   opinioni   che   si   possono   avere   sulla   rilevanza   ermeneutica   dei   lavori   preparatori   della legge   n.   74   del   1987   (che   inserì   nell’art.   5   il   fondamentale   riferimento   alla   mancanza   di   “mezzi   adeguati”   e   alla “impossibilità   di   procurarseli”)   in   senso   innovativo   (come   sosteneva   una   parte   della   dottrina   che   imputava   alla giurisprudenza    precedente    di    avere    favorito    una    concezione    patrimonialistica    della    condizione    coniugale)    o sostanzialmente   conservativo   del   precedente   assetto   (si   legga   in   tal   senso   il   brano   della   sentenza   delle   Sezioni   Unite n.   11490/1990   che   considerava   non   giustificato   «l’abbandono   di   quella   parte   dei   criteri   interpretativi   adottati   in passato   per   il   giudizio   sull’esistenza   del   diritto   all’assegno»),   non   v’è   dubbio   che   chiara   era   la   volontà   del   legislatore del   1987   di   evitare   che   il   giudizio   sulla   “adeguatezza   dei   mezzi”   fosse   riferito   «alle   condizioni   del   soggetto   pagante» anziché   «alle   necessità   del   soggetto   creditore»:   ciò   costituiva   «un   profilo   sul   quale,   al   di   là   di   quelle   che   possono essere   le   convinzioni   personali   del   relatore,   qui   irrilevanti,   si   è   realizzata   la   convergenza   della   Commissione»   (cfr. intervento    del    relatore,    sen.    N.    Lipari,    in    Assemblea    del    Senato,    17    febbraio    1987,    561    sed.    pom.,    resoconto stenografico,   pag.   23).   Nel   giudizio   sull’an   debeatur,   infatti,   non   possono   rientrare   valutazioni   di   tipo   comparativo tra   le   condizioni   economiche   degli   ex   coniugi,   dovendosi   avere   riguardo   esclusivamente   alle   condizioni   del   soggetto richiedente   l’assegno   successivamente   al   divorzio .      Le   osservazioni   critiche   sinora   esposte   non   sono   scalfite:      a)   dalla   sentenza   della   Corte   costituzionale   n.   11   del   2015,   che   ha   sostanzialmente   recepito   l’orientamento   in   questa sede   non   condiviso,   senza   peraltro   prendere   posizione   sulla   sostanza   delle   censure   formulate   dal   giudice   rimettente, riducendo   quella   sollevata   ad   una   mera   questione   di   «erronea   interpretazione»   dell’art.   5,   comma   6,   della   legge   n. 898   del   1970   e   omettendo   di   considerare   che,   in   una   precedente   occasione,   nell’escludere   la   completa   equiparabilità del    trattamento    economico    del    coniuge    divorziato    a    quello    del    coniuge    separato,    aveva    affermato    che    «[….] basterebbe   rilevare   che   per   il   divorziato   l’assegno   di   mantenimento   non   è   correlato   al   tenore   di   vita   matrimoniale» (sentenza   n.   472   del   1989,   n.   3   del   Considerato   in   diritto);      b)   e   neppure   dalle   disposizioni   di   cui   al   comma   9   dello stesso   art.   5   –   secondo   cui:   «I   coniugi   devono   presentare   all’udienza   di   comparizione   avanti   al   presidente   del tribunale   la   dichiarazione   personale   dei   redditi   e   ogni   documentazione   relativa   ai   loro   redditi   e   al   loro   patrimonio personale   e   comune.   In   caso   di   contestazioni   il   tribunale   dispone   indagini   sui   redditi,   sui   patrimoni   e   sull’effettivo tenore   di   vita,   valendosi,   se   del   caso,   anche   della   polizia   tributaria» -,   in   quanto   il   parametro   dell’«effettivo   tenore   di vita»   è   richiamato   esclusivamente   al   fine   dell’accertamento   dell’effettiva   consistenza   reddituale   e   patrimoniale   dei coniugi:   infatti   –   se   il   primo   periodo   è   dettato   al   solo   fine   di   consentire   al   presidente   del   tribunale,   nell’udienza   di comparizione   dei   coniugi,   di   dare   su   base   documentale   «i   provvedimenti   temporanei   e   urgenti   [anche   d’ordine economico]   che   reputa   opportuni   nell’interesse   dei   coniugi   e   della   prole»   (art.   4,   comma   8)   -,   il   secondo   periodo invece,   che   presuppone   la   «contestazione»   dei   documenti   prodotti   (concernenti   i   rispettivi   redditi   e   patrimoni), nell’affidare   al   «tribunale»   le   relative   «indagini»,   cioè   l’accertamento   di   tali   componenti   economico-fiscali,   richiama il   parametro   dell’«effettivo   tenore   di   vita»   al   fine,   non   già   del   riconoscimento   del   diritto   all’assegno   di   divorzio   al “singolo”   ex   coniuge   che   lo   fa   valere   ma,   appunto,   dell’accertamento   circa   l’attendibilità   di   detti   documenti   e dell’effettiva   consistenza   dei   rispettivi   redditi   e   patrimoni   e,   quindi,   del   “giudizio   comparativo”   da   effettuare   nella fase    del    quantum    debeatur.    È    significativo,    al    riguardo,    che    il    riferimento    agli    elementi    del    “reddito”    e    del “patrimonio”   degli   ex   coniugi   è   contenuto   proprio   nella   prima   parte   del   comma   6   dell’art.   5   relativa   a   tale   fase   del giudizio.  2.3.    –    Le    precedenti    osservazioni    critiche    verso    il    parametro    del    «tenore    di    vita»    richiedono,    pertanto, l’individuazione   di   un   parametro   diverso,   che   sia   coerente   con   le   premesse.   Il   Collegio   ritiene   che   un   parametro   di riferimento    siffatto    –    cui    rapportare    il    giudizio    sull’    “adeguatezza-inadeguatezza”    dei    «mezzi»    dell’ex    coniuge richiedente    l’assegno    di    divorzio    e    sulla    “possibilità-impossibilità    «per    ragioni    oggettive»”    dello    stesso    di procurarseli   –   vada   individuato   nel   raggiungimento   dell'    indipendenza   economica    del   richiedente:   se   è   accertato che    quest’ultimo    è   “economicamente    indipendente”    o    è    effettivamente    in    grado    di    esserlo,    non    deve    essergli riconosciuto   il   relativo   diritto.      Tale   parametro   ha,   innanzitutto,   una   espressa   base   normativa:   infatti,   esso   è   tratto dal   vigente   art.   337-septies,   primo   comma,   cod.   civ.   –   ma   era   già   previsto   dal   primo   comma   dell’art.   155-quinquies, inserito   dall’art.   1,   comma   2,   della   legge   8   febbraio   2006,   n.   54   –   il   quale,   recante   «Disposizioni   in   favore   dei   figli maggiorenni»,   stabilisce,   nel   primo   periodo:   «Il   giudice,   valutate   le   circostanze,   può   disporre   in   favore   dei   figli maggiorenni   non   indipendenti   economicamente   il   pagamento   di   un   assegno   periodico».      La   legittimità   del   richiamo di   questo   parametro   –   e   della   sua   applicazione   alla   fattispecie   in   esame   –   sta,   innanzitutto,   nell’analogia   legis   (art. 12,   comma   2,   primo   periodo,   delle   disposizioni   sulla   legge   in   generale)   tra   tale   disciplina   e   quella   dell’assegno   di divorzio, in assenza di uno specifico contenuto normativo della nozione di “adeguatezza dei mezzi”, a norma dell’art. 5,   comma   6,   legge   n.   898   del   1970,   trattandosi   in   entrambi   i   casi,   mutatis   mutandis,   di   prestazioni   economiche regolate   nell’ambito   del   diritto   di   famiglia   e   dei   relativi   rapporti.      In   secondo   luogo,   il   parametro   della “indipendenza economica”   –   se   condiziona   negativamente   il   diritto   del   figlio   maggiorenne   alla   prestazione   («assegno   periodico») dovuta   dai   genitori,   nonostante   le   garanzie   di   uno   status   filiationis   tendenzialmente   stabile   e   permanente   (art.   238 cod.   civ.)   e   di   una   specifica   previsione   costituzionale   (art.   30,   comma   1)   che   riconosce   anche   allo   stesso   figlio maggiorenne   il   diritto   al   mantenimento,   all’istruzione   ed   alla   educazione -,   a   maggior   ragione   può   essere   richiamato
RAPPORTI PATRIMONIALI SU
 
HOME succ.
© Copyright Studio Legale Cunico. Tutti i diritti riservati
SE OCCORRE PUOI REGOLARE E DIMENSIONI DEL TESTO TENENDO PREMUTO IL TASTO CONTROL (CTRL) SULLA TASTIERA E RUOTANDO LA ROTELLINA DEL MOUSE
CONTATTI
INDICE GENERALE
INDICE DIVORZIO
HOME